Correggere i problemi di sincronizzazione con un video editor

Uno dei problemi più frequenti sui PC desktop è la desincronia tra audio e video. In tempi "antichi" si era soliti estrarre l'audio, decomprimerlo in formato wave, fare le opportune modifiche su questo wave, ricomprimerlo e muxarlo nuovamente insieme al video. Questa soluzione presenta due svantaggi: è molto difficile modificare in maniera esatta la traccia audio decompressa per ottenere una sincronizzazzione precisa e la qualità finale del suono viene ulteriormente abbassata dalla ricompressione audio.

Questa guida descrive un sistema semplice e veloce per risolvere questo problema senza i due svantaggi illustrati in precedenza, usando solo software gratuito oppure a prezzo estremamente basso.

Soluzione "attiva"

Prima di iniziare una piccola considerazione personale: la maggior parte dei problemi di sincronizzazzione è dovuta, per me, ad incompatibilità tra codec audio e video (ovvero, quei piccoli software che permettono ai sistemi Windows di effettuare codifica e decodifica). Ogni volta che si installa un editor audio o video, un lettore multimediale o anche un programma di masterizzazzione CD, vengono installati anche alcuni di questi piccoli e complicati software. Più codec vengono installati nel vostro sistema, più conflitti tra di loro ci si deve aspettare. Ci possono essere incompatibilità tra versioni diverse dello stesso codec oppure una determinata applicazione può richiedere un determinato codec per funzionare (in genere fornito insieme al programma) con il quale è stato testato, senza offrire garanzie per codec diversi.

Per eliminare problemi di sincronizzazzione audio, potete prendere in considerazione l'idea di usare le vostre applicazioni audio/video in un ambiente separato. Per esempio, io uso PartitionMagic per creare 3 partizioni separate (ovvero 3 diverse installazzioni), una per la cattura video, una per il video editing e la masterizzazzione, e l'ultima per l'editing dell'audio. Dato che ogni programma installato in ogni installazzione lavora nel suo ambiente ed è separato dagli altri, utilizza solo i codec con cui è stato fornito; gli eventuali problemi di incompatibilità che possono sempre sorgere, sono molto più facili da risolvere. Il problema di riavviare e avviare l'installazzione di Windows non è comparabile con i problemi che potete incontrare se mettete tutto in un'unica installazzione.

Soluzione "correttiva"

Per correggere i problemi di sincronizzazzione in modo semplice e veloce, avete bisogno di un editor video che abbia la possibilità di gestire una o più traccie audio aggiuntive (ad esempio per unire insieme traccie audio di sole voci e di musica). Io uso Ulead VideoStudio, che per me è uno dei migliori programmi in circolazione. Non è nemmeno molto costoso.

  1. Iniziate con il demultiplexare la parte video e audio del fostro file MPEG in 2 files temporanei. Usate TMPGEnc o un'altro programma simile. Il processo di demultiplexing vi creererà un file con estensione m1v/m2v per il video e un file con estensione mp2 per l'audio.
  2. Aprite il file video m1v/m2v con il vostro video editor. Ulead VideoStudio non lista nella sua finestra di dialogo i files m1v/m2v, ma potete sempre rinominare l'estensione con mpg e aprirlo senza alcun problema.
  3. Inserite il file audio mp2 in una delle traccie audio possibili dello storyboard (in genere io uso la traccia musicale con Ulead VideoStudio).
  4. Se l'audio è in anticipo, spostate la traccia audio inserita in un'altro spazio per la traccia audio a destra, in modo che parta dopo il video. Se invece l'audio è in ritardo, fate il trim (taglio) dell'audio e allineate video e audio riarrangiato con il primo frame della sequenza. Nella mia configurazione un buon inizio è quello di aggiustare l'audio al valore 0:0:0:4 (quattro frames) e far slittare tutto il file audio dall'inizio. Il valore esatto per l'offset audio è difficile da indovinare all'inizio, ma con un pò di pratica tutto sarà più facile e saprete dove mettere le mani se il problema si ripresenterà.
  5. Andate nella finestra Preview del vostro editor Video e fate partire la riproduzione. L'editor riprodurrà il video originale (senza l'audio) e la traccia audio separata (quella su cui avete lavorato) insieme. Verificate se il problema di sincronia è ancora presente. Se non lo fosse, fermate la riproduzione e modificate nuovamente l'offset audio a seconda del caso ripetendo nuovamente il punto 4, quindi riprovate di nuovo. Eseguite questo processo fino a che non trovate la giusta sincronia tra audio e video.
  6. Quasi tutti gli editor video hanno una funzione "Generate" che crea un nuovo file video con tutte le modifiche che avete effettuato. I vostri problemi di sincronia saranno risolti, ma la maggior parte di questi editors (e Ulead MediaStudio non fa' eccezzione) decomprime le varie traccie audio presenti prima di riunirle tutte insieme. Questa ricompressione porta ad una perdità di qualità audio. Se tutto questo non è un problema per voi, potete creare il vostro filmato finale sincronizzato.

Evitare la perdità di qualità del suono

Per mantenere la qualità originale del suono, potete fare il trim del file mp2, quindi combinarlo insieme al video senza ricompressione. L'editor MP3DirectCut scaricabile da http://www.rz.uni-frankfurt.de/~pesch/ permette di maneggiare in maniera semplice e veloce files mp2 e mp3 senza ricompressione.

Un problema che potete incontrare consiste nel fatto che gli editor video usano un notazione del tipo h:m:s:f dove il valore "f" identifica il numero del frame. MP3DirectCut usa la notazione h:m:s:d, dove il valore "d" indica un valore decimale del secondo (per esempio "0:0:0:5" per mezzo secondo). Prima di fare qualsiasi modifica all'audio dovete effettuare una conversione dell'offset rispetto a queste due notazioni diverse. Usate la notazione "h:m:s" esattamente, come quando la usate nel vostro video editor. Dividete il numero del frame che il video editor vi mostra (per esempio 4) e dividetelo per il framerate del vostro video (esempio:. 25 per PAL o 30 per NTSC) per trovare il giusto valore decimale equivalente. Nel mio esempio, 0:0:0:4 con Ulead VideoStudio diventa 0:0:0:16 (4/25) con MP3DirectCut.

  1. Aprite il file audio mp2 con MP3DirectCut. 
  2. Se l'audio è in ritardo, impostate la fine al punto che abbiamo calcolato prima, quindi tagliate la parte iniziale del file video. Se l'audio è in anticipo, copiate una parte silenziosa della giusta durata e inseritela all'inizio del file audio per ritardare tutto il resto. 
  3. Salvate il file mp2 sul vostro disco. 
  4. Unite insieme l'audio mp2 e il video muto (ricordate di impostare il giusto Stream Type) per ottenere un video finale sincronizzato, senza nessuna ricompressione e senza nessuna perdità di qualità per l'audio. 

Consiglio finale

Nel peggiore dei casi, riuscirete a sincronizzare una parte del video, ma sfortunatamente il suono tenderà a desincronizzarsi nuovamente mano a mano che si va avanti con l'ascolto. In questo caso potete dividere il file video in due o più parti e correggere il problema per ogni parte separata con le istruzioni che vi ho appena dato. dato che questo è un processo che richiede molto tempo, potete usare la soluzione "attiva" descritta all'inizio di questa guida. Con un ambiente isolato per ogni aspetto multimediale, non avrete (quasi) mai problemi di sincronizzazzione.

 

Questo documento è stato aggiornato il 07/01/2002
Questo documento è stato tradotto da _YuSaKu_ il 17/10/2004