Procedure del VirtualDubMod

In breve, VirtualDubMod (conosciuto anche come VDubMod) è un programma basato sulla famosa applicazione di video editing VirtualDub, e riunisce varie modifiche che sono state fatte al programma originale (VirtualDub) in un'unico programma. Può importare video MPEG-2, audio AC3, ha incorporato un supporto ad AviSynth e permette di salvare i files di output anche nei formati OGM e Matroska. Inoltre, riesce a gestire i flussi audio AC3 e DTS, rendendolo il programma di video editing più versatile che si possa usare per fare un back-up dei propri DVD.

Questo documento non ha nessuna pretesa di essere una guida completa; infatti il suo scopo è quelli di focalizzarsi e di spiegare le funzioni principali e le operazioni più importanti. Dato che VdubMod è basato su VirtualDub, molte delle istruzioni già spiegate nel documento Procedure del VirtualDub valgono anche per VDubMod. Inoltre VDubMod viene distribuito con un'ottima guida allegata che dovete consultare quanto prima visto che è fatto molto bene.

Prima configurazione

La prima volta che lanci VdubMod puo apparire un'avvertimento riguardante codec illegali che hai installato nel tuo sistema. Questo avvertimento riguarda l'originale codec DivX3.11alpha; se dovesse apparire, potete tranquillamente ignorarlo, visto che non c'é motivo di preoccuparsi.

La prima cosa che dovete fare è configurare alcuni parametri globali. Selezionate Options - Preferences.

Il primo settaggio interessante è Process priority. Personalmente preferisco usare tutti i programmi a priorità idle, ovvero useranno la potenza di calcolo che non viene usata da nessun'altro processo. Con questa opzione puoi effetuare codifiche di film anche mentra stai giocando, ma ovviamente la conversione richiederà più tempo. Permette anche di navigare nel web, leggere e-mail, ascoltare musica, senza nessun ritardo di esecuzione durante una codifica video. E se non usi il PC durante la codifica, la modalità idle non interverrà, lasciando a VdubMod tutta la potenza di calcolo disponibile.

Il secondo settaggio interessante è Video mode. Con AviSynth la modalità Full processing mode ha perso molto del suo utilizzo, anche se è ancora utile (anzi, indispensabile) quando si usano filtri direttamente da VirtualDub, però, se usi AviSynth seleziona Fast recompress. E nel caso tu usi VdubMod solo per aggiungere l'audio ai tuoi filmati puoi anche selezionare per default la modalità Direct Stream Copy. Ovviamente, questo condiziona soltanto la modalità di default; puoi sempre cambiare questa modalità dal relativo menù in qualsiasi momento.



Dopo andiamo alla scheda AVI.

La prima opzione non è di interesse per noi. Ma la seconda sì. Se apri un file AVI che contiene una traccia MP3 VBR, VDubMod, come il suo fratello VDub, ti suggerirà di "aggiustare" la traccia audio MP3. Ma questo non è un buon suggerimento, perché comporterà un desync audio/video. Quindi, eliminiamo questo noioso avvertimento per tutte le volte successive ;)

Anche la terza opzione ci sarà utile. Nandub è stato il primo programma che permetteva di lavorare con traccie audio MP3 VBR e ci permette di continuare ad usare questo metodo.

Ultima ma non meno importante, abbiamo un'opzione per files AC3 e DTS. Selezionare questa opzione evita tagli fastiodiosi in punti indesiderati che porterebbero alla corruzione della traccia audio (fino ad ora non si riesce ad ascoltare un bel nulla ma se provi ad unire questi tipi di files andresti incontro a problemi con la traccia audio che risulterà corrotta). Come anche gli sviluppatori hanno detto, usala a tuo rischio e pericolo. Se non effettuerai editing o riconversioni audio è meglio non selezionare questa opzione.



Quindi passiamo alla scheda Audio.

Se volete usare altri valori rispetto a quelli di default per l'audio potete configurarli da questa scheda.

Molto interessante è l'opzione Keep corrupted data (MP3 / AC3 / DTS). Augurandovi di non avere mai a che fare con questi streams corrotti (e se li trovate, poterte usare BeSplit per correggere le traccie MP3 o AC3 difettate) attivare questa opzione può essere particolarmente utile.



Le restanti opzioni riguardano principalmente scorciatoie da tastiera e non sono di particolare interesse per un normale utente che fa un uso massiccio del mouse.

Multiplexing

Adesso che abbiamo configurato tutto, è ora di metterci al lavoro. Le funzionalità di codifica video sono le stesse di VirtualDub e quindi non verranno ripetute. Ciò che rende VDubMod veramente interessante è la possibilità di gestire traccie audio VBR MP3, AC3, DTS e Ogg Vorbis più facilmente di qualsiasi altro programma. Può inoltre creare non solo file AVI, ma anche file OGM e Matroska (MKV). Prima di effettuare l'operazione di multiplexing dovete avere un video e una o più traccie audio. Potete anche aggiungere sottotitoli in formato SubRip (srt). Attenzione al fatto che tutte le caratteristiche spiegate fino ad ora non sono supportate da tutti i formati, però VdubMod vi avviserà alla fine delle possibili incompatibilità tra le scelte che avete effettuato, appena prima dell'operazione di multiplexing.

La prima cosa da fare è caricare un file video. Potete farlo selezionando File - Open Video File oppure premendo Control-O e selezionare il vostro file AVI. Quindi selezionate il video in modalità Direct Stream Copy (Video - Direct Stream Copy) per evitare che il video venga ricompresso.

Adesso aggiungiamo audio e sottotitoli. In VDubMod le funzionalità per audio e sottotitoli sono state combinate insieme e sono gestibili dal menù Streams. Accedi alla finestra per aggiungere i vari streams selezionando Streams - Stream list dal menù.

All'inizio VDubMod mostrerà soltanto una schermata completamente vuota (N.d.T: in caso di filmato senza audio altrimenti troverete la traccia audio presente nel video). Potete aggiungere traccie audio e sottotitoli premendo il pulsante ADD e selezionare il vostro file.

Usate lo stesso pulsante ADD per aggiungere anche un file di sottotitoli.

Usate i pulsanti Move up/Move down per spostare nell'ordine che preferite i vari streams. Lo stream più in alto sarà quello che apparirà per primo nella lista degli stream disponibili, il secondo verrà elencato in seconda posizione e così via. Lo stesso vale anche per i sottotitoli. Ricordatevi che gli streams audio e dei sottotitoli sono considerati come separati, quindi non dovete preoccuparvi della loro relativa posizione (quindi potete anche mettere per prima la traccia audio, poi 3 streams di sottotitoli e poi altre traccie audio, senza che l'ordine "misto" crei alcun problema).

Dopo aver selezionato tutte le traccie audio forse vorrai impostare anche il relativo linguaggio per poter scegliere più facilmente tramite il menù del tuo lettore multimediale preferito la traccia che vuoi ascoltare. Per fare questo, seleziona lo stream audio sul quale vuoi impostare il linguaggio e premi il pulsante Comments.



Questa è la finestra che vi apparirà dopo aver premuto il pulsante Comments.

Adesso potete scegliere il Comment Type in basso a sinistra. Selezionate Language.

Dopo aver selezionato Language apparirà una nuova finestra di inserimento, che vi darà l'elenco dei tags disponibili. Scegli il linguaggio giusto, quindi premi il pulsante Add per aggiungere questo commento.

Il commento apparirà nella lista, come potete ben vedere dallo screenshot sulla sinistra. Se per caso commettete un errore, potete semplicemente selezionare di nuovo il commento e premere il pulsante Edit.

È possibile inserire molti tags, però molti di loro sono assolutamente inutili, in quanto molti player non leggono un URL (solo per fare un esempio) di uno stream audio o di sottotitoli.


Quando avete finito premete OK per tornare all'elenco degli streams.


Probabilmente avete già notato il pulsante Chapters nella finestra principale degli Streams. E probabilmente pensate che è da lì che potete aggiungere i capitoli al vostro filmato. La risposta è vera, ma soltanto in parte; infatti, quel pulsante serve sì per definire i vari capitoli, ma solo quelli relativi ad un singolo stream, il che non ha molto senso. Quello che sicuramente a voi interessa sono i capitoli globali, uguali per tutto il film e si creano nel seguente modo:

Premete OK per tornare alla finestra principale di VDubMod. Quindi selezionate Streams - Video Chapters dal menù. All'inizio vi troverete di fronte ad una finestra vuota.

Premere Import e selezionate il relativo files dei capitoli se lo avete creato con il vostro programma di ripping, ChapterXtractor or Robot4Rip.

Sulla sinistra potete vedere la finestra dopo aver importato un file. Se non siete soddisfatti dai nomi, selezionate un capitolo, modificate il nome con i comandi in basso e premete il pulsante Edit per applicare i cambiamenti.

I pulsanti Add e Delete servono rispettivamente per aggiungere o togliere un capitolo.

Se preferite usare i veri capitoli dei film (dove esistono, e solo in inglese) potete usare ChapterGrabber per poterli prelevare da Internet.

Premete OK dopo che avete finito.

Abbiamo praticamente finito. Se volete, potete aggiungere altri commenti generici al video. per esempio autore, regista ecc. Per fare ciò, selezionate Streams - Video comments dal menù.La finestra vi risulterà familiare perché è la stessa di quella per aggiungere commenti ad uno stream audio o di sottotitoli. Per avere la lista degli attributi legali che un container può supportare fate riferimento al manuale di VDubMod (Help - VirtualDubMod help).

Adesso che sei felice per aver fatto tutto questo bel lavoro premi F7 per richiamare la finestra di dialogo di salvataggio.

Dai un nome al file, quindi usa la finestra di selezione Save as type per scegliere il tipo di file in uscita.

Quale formato devo scegliere? Qui c'é una piccola panoramica:

AVI: lo standard de facto, supporta MP2, MP3, AC3 e DTS audio, niente sottotitoli e non prevede la correzzione degli errori.

OGM: supporta audio MP3, AC3 e Ogg Vorbis, sottotitoli, ha una funzione integrata di correzzione degli errori che può essere utile con gli XCD. Richiede filtri per la decidifica specifici e gli standard potrebbero cambiare in futuro, visto che lo sviluppatore capo si è unito con la fondazione Xiph per offire un container open source basato sul framework Ogg (OGM dovrebbe implementare le specifiche Ogg ma ci sono state molte discussioni sul fatto che le implementi sul serio). Anche OGM ha il supporto per i capitoli.

Matroska è il più recente dei containers ed è (ovviamente) ancora sotto pesante sviluppo. È stato creato da zero per poter supportare la maggior parte degli scenari per DVD bakup ed è molto flessibile e configurabile (OGM è più orientato verso lo streaming e ci è voluto molto tempo per creare una buona applicazione per l'editing, VDubMod appunto). Matroska supporta al momento MP2, MP3, AC3 e Ogg Vorbis audio, e le specifiche includono anche audio AAC, capitoli, correzzione degli errori e tante altre utili opzioni ma che per adesso non sono state ancora implementate. Matroska ha bisogno di un filtro speciale per la decodifica che è ancora in una fase di beta testing. Al momento, l'unica applicazione di video editing che supporta Matroska è VDubMod. Per qualsiasi altra informazione su Matroska visitate la homepage ufficiale.

Okay, dopo questa piccola panoramica dovresti essere in grado di scegliere il formato di output più adatto alle tue esigenze, scegli il nome del file, ricordati di selezionare il formato di uscita desiderato, premi Save e ci siamo :).

Editing

Dopo tutto questo lavoro ti accorgi che il tuo file AVI/OGM/MKV è troppo grande per poter essere messo su un unico CD, oppure hai bisogno di prendere solo un pezzo del tuo filmato per scopi dimostrativi. VDubMod può, ovviamente, aprire tutti i tipi di file che riesce a creare (come quelli che avete appena creato); per aprire il file, come avete fatto in precedenza usate File - Open Video File oppure premete Control-O e selezionate il vostro file.

Quindi selezionate dal menù Video la modalità Direct Stream Copy (Video - Direct Stream Copy) per evitare che sul filmato vengano effettuate ulteriori ricompressioni.

Adesso è l'ora di fare conoscienza di una feature molto pratica che è ovviamente presente in VirtualDub: la barra dei pulsanti in basso.

Usate la barra per spostarvi tra un punto e l'altro del video. Con i pulsanti marcati con 1 potete muovervi tra i frames successivi/precedenti mentre usando i pulsanti marcati con 2 vi muoverete tra i keyframes successivi/precedenti. Potete anche muovervi tra i keyframes usando le freccie destra/sinistra e tenendo premuto il tasto Shift della tastiera (se non tenete premuto il pulsante shivt avanzerete/andrete indietro frame per frame invece che navigare tra i keyframes).

Muovete la barra all'inizio del vostro video e premete il tasto Home sulla vostra tastiera. Quindi, usate la barra (e i pulsanti) fino a trovare un buon punto per effettuare il taglio. Fate attenzione al fatto che il punto in cui verrà effettuato il taglio deve essere necessariamente un keyframe, altrimenti la seconda parte del video avrà inizio da un punto diverso da quello che tu avevi scelto (questo perchè la riproduzione di un video può partire soltanto con un keyframe). Se state tagliando il vostro file per farcelo stare su più CD c'é un metodo migliore che andare a caso nel trovare il punto di taglio. Premendo Control-Shift-J vi troverete davanti a questo menù:

Specificate la dimensione del vostro CD (meno un paio di mega per un margine di sicurezza), quindi premete OK. Osservate che vi state trovando in una posizione diversa nel vostro video. Adesso premete il pulsante End. Osservate che la parte bianca della barra di scorrimento è diventata di colore blu. La parte blu è la parte del video attualmente selezionata. Adesso premete F7 per portarvi nella finestra di dialogo di salvataggio. Assicuratevi di usare lo stesso formato tra file di input e di output altrimenti il taglio potrebbe venire impreciso. Dopo aver salvato questo file, non muovete assolutamente la barra di scorrimento, premete il pulsante Home per selezionare il punto finale della prima parte come l'inizio della parte successiva. Se state puntando ad un rip su 2 CD non dovete fare altro che muovere la barra di scorrimento fino alla fine, premere il tasto End e poi F7 e salvare di nuovo. Se invece state facendo un rip su 3 o più CD usate il menù Control-Shift-J di nuovo per portarvi al successivo punto nel uale verrà effettuato il taglio.

Assicuratevi di salvare il vostro ultimo file.

E questo è tutto (almeno per oggi).

Questo documento è stato aggiornato il 07/05/2003
Questo documento è stato tradotto da _YuSaKu_ il 12/10/2003